L’Università di Pisa alla ricerca delle varietà dell’Amiata

L’Università di Pisa alla ricerca delle varietà dell’Amiata

E’ iniziato un importante progetto di ricerca che vede la Comunità del Cibo collaborare sul territorio amiatino con importanti istituzioni scientifiche regionali. Si tratta dello studio rivolto alla caratterizzazione del granturco di Castell'azzara e del fagiolo borlotto del minatore, un lavoro coordinato dalla professoressa Luciana Angelini del Dipartimento di Scienze Agrarie dell’Università di Pisa e responsabile della Banca del Germoplasma della Regione Toscana. Con buona probabilità, infatti, le due varietà genetiche entreranno a far parte della catalogazione da parte della Banca del Germoplasma come varietà in via di estinzione.

Le altre notizie

WhatsApp Image 2021-12-12 at 14.37.24 (1)

La biodiversità va in piazza

Sono diverse le occasioni che hanno visto la Comunità del Cibo dell’Amiata portare i propri prodotti in piazza durante eventi e manifestazioni pubbliche.

f1_57_sforzesca1rid

Giornata Nazionale dell’Agrobiodiversità

Nella magnifica cornice di Villa Sforzesca a Castell’Azzara (GR), Sabato 21 maggio si festeggerà la Giornata Nazionale dell’Agrobiodiversità con un programma di incontri e attività organizzato dalla Comunità del Cibo dell’Amiata.

Tra le colline e i monti dell’Amiata e della Valdorcia c’è una comunità di persone che fa crescere un mondo di sapori autentici, naturalmente biodiversi.

Contatti

Sede Legale
Podere dei Nobili
58031 Arcidosso (GR)
info@comunitadelciboamiata.it

© 2022 - Comunità del Cibo Amiata | All rights reserved - Privacy policy | Cookie policy

Scroll to Top